Blog: http://keepthepromise.ilcannocchiale.it

Ciao, Davide

Ieri era la festa della Repubblica. Pioveva fitto e era freddo. Sono stato al funerale di Davide. Neanche 37 anni. Uno dei nostri. Mangiato dall'interno da qualcosa che non ha fermato nessuno. Se esistevano i mezzi non è stato detto, oppure non c'era proprio niente da fare. Non sono andato a vederlo prima che nascondessero per sempre la sua faccia. Adesso è un'altra foto, altre due date scolpite nel marmo, un altro santino nel portafoglio che finirà chiuso in un cassetto, un altro ricordo di qualcuno che ha combattuto la stessa battaglia e che ha perso.
Io, lacrime a parte, ricordi a parte, un amico che diventa un ricordo a parte, sono ancora in piedi. Con i pugni stretti e gli occhi lucidi. In piedi. A voler credere che è possibile invecchiare anche con queste tre lettere che da anni pesano come una condanna. Voglio credere che posso farcela. Che possiamo farcela in tanti. Anche per Enrico, Andrea, Matteo, Elisa, Luca, Michele, Davide, per tutti quelli che ho già visto andar via. Per tutti quelli a cui ho fatto una promessa che dolore a parte combatto per mantenere.
Penso che non è giusto. Che quasi niente è giusto. Ma combattere sì. E combattere questa fottuta malattia ancora di più.


L'immagine viene da un vecchio post di River.
C'è scritto: Aids is still around. 1981 - ?

Pubblicato il 3/6/2007 alle 13.15 nella rubrica Hiv/ Aids.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web